SU LA TESTA: È ORA DI AGIRE!

 

C’è il rischio concreto che le moderne proteste contro la globalizzazione possano, sostituendosi alle rimpatriate del 1° Maggio, trasformarsi oppure essere confuse per un rituale per ragazzi senza il fine di una vera strategia ideologica e politica alternativa.

Anche i vecchi nostalgici sono sempre presenti nelle manifestazioni, ma ASSENTI nel conflitto quotidiano che si consuma nei luoghi di lavoro e nei quartieri periferici della città.

La stessa dilatazione del dibattito sugli incidenti accaduti durante la manifestazione, ha dimostrato un limite politico del movimento incapace di imporre una discussione sui problemi politici della globalizzazione, passati in secondo piano rispetto al problema dell’ordine pubblico.

È QUINDI ORA DI AGIRE

di passare alla fase successiva, politicamente propositiva, che rappresenti la continuazione concreta dell’opposizione alla globalizzazione e a tutte le forze ed i poteri che la sostengono, in ogni luogo e in ogni forma.

L’ASSEMBLEA DI BOLOGNA VA IN TALE DIREZIONE!

Essa ha dato inizio al dibattito interno alla sinistra rivoluzionaria e ha lanciato un appello per la costruzione di un progetto politico contro e al di fuori dei poli e del bipolarismo.

Tale iniziativa supera il limite teorico ideologico e si traduce in pratica concreta attraverso iniziative come quella di domani Sabato 7 Aprile a Roma contro l’attacco alle pensioni, al T.F.R., alla sanità, prendendo inoltre una posizione chiara e precisa rispetto alle prossime elezioni:

ASTENSIONE A LIVELLO NAZIONALE ED APPOGGIO LADDOVE SIA PRESENTE UNA LISTA ALTERNATIVA E CONTRO I DUE POLI

per dimostrare che questo astensionismo non è passivo né qualunquista!

Per questo motivo i promotori dell’appello di Bologna hanno appoggiato la lista “COBAS PER IL COMUNISMO” presentata a Napoli per le elezioni comunali, ed è per lo stesso motivo che questa lista chiede al movimento che ha protestato in piazza CONTRO IL GLOBAL FORUM, di appoggiarla per coerenza ideologica e per andare oltre le manifestazioni di protesta.

È ORA DI AGIRE!

OCCORRE TRASFORMARE LA PROTESTA IN CONFLITTO NEI LUOGHI ISTITUZIONALI DEL POTERE E DELLE DECISIONI, NON COME FATTO ISOLATO E LEGATO SOLO ALLE ELEZIONI, MA COME UN PEZZO DI PROGETTO POLITICO ALTO E NAZIONALE, CAPACE DI DARE CONCRETEZZA ALLE PROTESTE ED UN’ALTERNATIVA POLITICA REALMENTE ANTIMPERIALISTA ED ANTICAPITALISTA, INESISTENTE E NECESSARIA NEL NOSTRO PAESE E NEL MONDO PER CAMBIARE QUESTO STATO DI COSE ESISTENTI.

 

SOSTIENI E ADERISCI AI COBAS PER IL COMUNISMO