COBAS per il COMUNISMO

Via Tribunali n°181 – Telefax 081 210810

Napoli, 14 Marzo 2001

 

RIPRENDERE CON FORZA IL DURO CAMMINO DELL’OPPOSIZIONE !!!!!

URLIAMO CON FORZA LA NOSTRA OPPOSIZIONE CONTRO OGNI GOVERNO CHE ABBIA A CUORE LA DIFESA DEGLI INTERESSI DELLA BORGHESIA IMPERIALISTA !!!!!

 

I Governi presieduti da Dini, Ciampi, Prodi, D’Alema ed Amato, hanno avuto in comune con i Governi precedenti (di vecchia memoria dell’era democristiana e socialista, fino al Governo di destra presieduto da Berlusconi) due priorità assolute: attuare politiche economiche fortemente liberiste, cercando di ottenere in determinate congiunture il massimo del consenso sociale possibile, e politiche estere in sintonia con le direttive impartite dai circoli imperialisti dominanti. Queste politiche economiche hanno impoverito le masse popolari e hanno permesso al grande capitale di accumulare masse enormi di profitto e di ricchezza: solo una sinistra e un sindacato compatibili con gli interessi della classe dominante hanno potuto rendere possibili questi processi. I grandi processi di ristrutturazione e riammodernamento dell’apparato produttivo hanno anticipato la grande riforma degli assetti politici e istituzionali con l’introduzione di un nuovo sistema elettorale, con l’elezione diretta dei Sindaci e dei Presidenti delle Giunte Regionali e successivamente con l’elezione diretta del Capo dello Stato e del Capo del Governo. I grandi processi di ristrutturazione e riammodernamento dell’apparato produttivo necessitano, per essere governati, di decisioni rapide e veloci e lo spazio per le mediazioni, gli accordi e i compromessi si restringono sempre di più. Intorno ai due poli in competizione si coalizzano lobby di potere fortissime che nulla hanno da mediare e concedere a chi è stato sconfitto. Un Partito Comunista che si pone il problema di conquistare il potere politico e di rappresentare gli interessi politici della classe operaia non può pensare di imprigionare il conflitto e l’antagonismo sociale portandolo dentro le gabbie della governabilità e della compatibilità con gli interessi della classe dominante. La classe operaia e l’intero proletariato devono ricostruire, sulla base dell’esperienza storica fin qui maturata, il loro Partito Comunista Rivoluzionario. Duecento anni di tentativi di “assaltare il cielo” e di costruire una nuova società hanno dimostrato concretamente che non basta conquistare il potere politico per sconfiggere il nemico di classe, e che durante l’intera fase di transizione tra una società e un’altra la borghesia può riprendersi il potere rovesciando il governo degli operai e dei proletari.

Il percorso per ricostruire il Partito dei Comunista Rivoluzionari è lungo e difficile e in questa fase pensare di avere risolto tutti i problemi che la storia ci ha messo di fronte, avendo la verità storica in tasca, è velleitario e fuorviante. Proprio perché siamo convinti che usciamo da un sconfitta pesantissima, riteniamo necessario ripartire da una posizione difensiva, e la partecipazione alle elezioni è presa stando dentro questa lettura di fase e di congiuntura politica.

 

Possiamo e dobbiamo stare all’opposizione costruendo ovunque liste COBAS per il COMUNISMO !!!!!

Dobbiamo lavorare intensamente insieme a tanti compagni/e a ricostruire il nuovo Partito dei Comunista Rivoluzionari !!!!!

Creiamo ed organizziamo 10 100 1000 Liste Cobas per il Comunismo !!!!!

 

Sosteniamo con forza e decisione la candidatura di SCAMARDELLA a Sindaco di Napoli e di tanti altri compagni a PRESIDENTI delle CIRCOSCRIZIONI.

Uniti si vince. Viva l’unità di tutti i comunisti e di tutti i sinceri rivoluzionari.